lunedì 31 dicembre 2012

Megavideo riapre il 20 gennaio 2013

Il 19-20 Gennaio riapre MegaUpload, con il nome di “Mega”. Dovrebbe procedere secondo i tempi il piano di rilancio dei nuovi servizi Megavideo e Megaupload, dovrebbero ritornare il 20 gennaio 2013. A un anno dal giorno del suo arresto, il creatore delle piattaforme Megaupload e Megavideo, Kim Dotcom, è pronto a proporre un nuovo servizio di P2P e file-sharing. Torna Megavideo Kim Dotcom: ora il sito è legale! Megavideo e Megaupload diventano Mega.co.nz oppure Me.ga: Novità e data di uscita. Kim Dotcom ha dichiarato di voler creare una rete diffusa basata sui server dei vari utenti, in modo da evitare chiusure forzate, così come è già successo nel tristemente noto caso di Megaupload.
Kim Dotcom, al secolo Kim Schmitz, ha annunciato un party in programma il 20 gennaio 2013, a distanza di un anno dal suo arresto e dalla chiusura di sedici domini Internet gestiti dallo stesso. Era il 19 gennaio 2012 quando Schmitz veniva arrestato ad Auckland, in Nuova Zelanda, insieme ad altre sei persone. Kim Dotcom dietro le sbarre, con l’accusa di aver inflitto un danno di 500 milioni di dollari per mancati profitti ai detentori dei copyright, e il suo impero web chiuso. Takedown per Megavideo, Megaupload, Megastuff, Megaworld, Megaclicks, Megatoric e HDmegaporn. A Kim Dotcom sono stati anche sequestrati beni per oltre 200 milioni di dollari. Il fondatore di Megaupload e compagnia è ora agli arresti domiciliari nella sua villa da 18 milioni di euro situata appena fuori Auckland, dove il 20 gennaio 2013 si terrà il party di presentazione della sua nuova creatura, denominata Mega.

Più grande. Migliore. Più veloce. Più forte. Più sicura. Così viene descritta Mega, nuova piattaforma cloud per il caricamento, l’archiviazione e la condivisione di file. Kim Dotcom ha promesso un sistema più efficiente e più veloce, e soprattutto più sicuro e al riparo da eventuali guai giudiziari. I file che transiteranno su Mega saranno criptati nei browser impiegati dagli utenti del servizio, attraverso la cifratura AES (Advanced Encryption Standard). A ciascun file caricato sarà assegnata una chiave per il decript, che non sarà però conservata da Mega. Il traffico generato su Mega sarà gestito su server localizzati in molteplici Paesi. Una mossa atta a rendere difficoltosa un’eventuale chiusura della piattaforma. Mega integrerà un servizio di messaggistica e fornirà la possibilità di gestire i file in cartelle.

Ciascun contenuto potrà essere inviato ai propri contatti, oppure eliminato, ovvero spostato nella cartella cestino. Gli utenti di Mega potranno inoltre conoscere in tempo reale la percentuale di completamento, la velocità, il tempo trascorso e il tempo rimasto per ogni download e upload di file. Kim Dotcom ha pubblicato di recente alcuni screeshot utili per avere un’idea del nuovo servizio. Prima della chiusura, Megaupload figurava fra i siti più popolari del Web. Alcuni report indicavano una percentuale di traffico mondiale del 4% generata proprio dall’uso del servizio. Il 20 gennaio 2013 ci sarà probabilmente un “Mega Party”. Si vedrà in seguito se il nuovo Mega sarà in grado di replicare il successo delle precedenti piattaforme sviluppate da Kim Dotcom.

Articoli correlati:

1 commenti:

Mario ha detto...

finalmente Megavideo ritorna! avoglia guardare film in streaming adesso!

1 gennaio 2013 22:39

Posta un commento